Giornalista e scrittore, poeta dialettale Remo di Leonardo nasce a Pianella (Pe), l'11 febbraio del 1955 da Vincenzo e Anna Zappone, sorella del Poeta Vincenzo Zappone da Caramanico.

Sin da ragazzo la passione per l'arte lo porta, giovane studente, ha frequentare, per breve tempo, contemporaneamente il Liceo Artistico ed il Conservatorio Musicale “L. D’Annunzio” di Pescara iniziando a studiare violino con il maestro Perpich, padre, grandissimo esempio dell’insegnamento violinistico in Italia.

Nel 1971, trova lavoro prima come operaio presso una industria metalmeccanica e successivamente nel 1977 nella Scuola Media Statale di Pianella dove resta fino al suo concedo che avverrà nel 2017.

L’interesse per la natura, in particolare per le piante officinali, lo porta a conseguire l’attestato il Diploma di Agrotecnico e la Qualifica Professionale di Erborista collaborando con aziende del settore ed associazioni naturaliste ed ambientaliste.

Padre di quattro figli: Augusta e Francesca avute dalla prima moglie, sposa in seconde nozze Patrizia Di Girolamo dalla quale avrà due figlie Lucrezia e Fiamma.

BIOGRAFIA LETTERARIA

Remo di Leonardo ha esordito in poesia nel 1979 con una silloge di opere giovanili in lingua.

Nel 1982 partecipa al concorso di poesia dialettale “Città di Pianella” presieduta dal Prof. Giuseppe Porto e successivamente al 5° Concorso di Poesia dialettale del Premio Pescara organizzata dall’A.M.P.P.A., dove viene premiato dalla Giuria composta da: Antonio della Rovere, Dario D’Alessandro, Giuseppe Antonelli, Waler Cianciusi, Alessandro Dommarco, Cosimo Savastano Giulio Marino, Vincenzo de Luca. In questa occasione conosce i poeti Aldo e Antonio Aimola, Guido Antonioli, Mario Ceri, Camillo Coccione, Luciano Flamminio, Luigia Garzarelli, Licia Parise Luise, Alfredo Mariani, Attilio Micozzi, Mario Sonsini, Giovanni Spitilli e Michele Ursini. Con molti di loro in futuro allaccerà un rapporto di amicizia umana e letteraria.

BIOGRAFIA ARTISTICA

Nel 1980, con la ricostituzione della Banda Musicale "Associazione Musicanti Pianellesi" riprende gli studi musicali cimentandosi prima come strumentista di Clarinetto e poi di Clarinetto Basso sotto la guida dei Maestri: Luciani Littoriano, Gerardo Fusco e Lucio d’Urbano.

Grazie all’impegno, allo studio da autodidatta, apprende una discreta esperienza musicale, che lo porta a suonare con diversi gruppi bandistici, sinfonici, cameristici a fianco dei più rinomati strumentisti abruzzesi e sotto la direzione dei Maestri: Fiorangelo Orsini, Antonio Cericola, Leondino Iezzi, Donato Di Martile, Vittorio Cerasa, Lucio D’Urbano, apprezzandone le loro doti umane ed artistiche. Tra i tanti amici e apprezzati musicisti l’incontro con "Bepi D'Amato", uno dei più grandi clarinettisti di jazz, sarà motivo di arricchimento umano e di apprendimento musicale. 

Remo di Leonardo ha esordito in poesia nel 1979 con una silloge di opere giovanili in lingua.

Nel 1982 partecipa al concorso di poesia dialettale “Città di Pianella” presieduta dal Prof. Giuseppe Porto e successivamente al 5° Concorso di Poesia dialettale del Premio Pescara organizzata dall’A.M.P.P.A., dove viene premiato insieme ai più famosi poeti abruzzesi.

Nel 1985 pubblica  a prima raccolta di poesie in vernacolo pianellese Lu Cogne, la benevola critica ricevuta dal Prof. Giuseppe Porto, poeta-letterato di fama nazionale e del Prof. Vittorio Morelli, studioso, storico-letterato saranno motivo di stimolo per la futura attività di appassionato poeta, scrittore dialettale e folklorista.   

Nel 1995 entra a far parte dell'Associazione Culturale Teatrale "Amici di Eduardo" di Pianella recitando in diverse opere: Miseria e Nobiltà, Napoli Milionaria, La Fortuna con la Effe maiuscola, Un ragazzo di campagna; Omaggio a Totò; L’Abito Nuovo, Lu Messìe d’Abruzze, La Contessa d'Amalfi, Vincenzo de Pretore, testo poetico di Eduardo De Filippo tradotto in una commedia.

Dal 1995  è tra gli autori e organizzatori insieme al compianto Riccardo Di Sante, (1953-2017), attore e regista teatrale, della Rappresentazione Storica "Lu Bbongiorne”.

Nel 1996 insieme ad altri amici, al responsabile locale di Pianella Luciano Chiavaroli, è ideatore della  “Festa della Campagna” Rassegna di Arte e Cultura popolare abruzzese.

Dal 1998 è segretario del Premio di Poesia “Giuseppe Porto”, e dal 2012 del Premio Nazionale di Lettere - Arte - Scienze, Città di Pianella. 

Nel 2001 in collaborazione con il Gruppo Folk Città di Pianella di Antonella Del Giudice e del M° Crispi Seccia partecipa al Cartellone Artistico della manifestazione pescarese il “Fiume e la Memoria” portando in scena la seconda opera della Trilogia dialettale abruzzese dal titolo “Lu Marenare”.

Nel 2003, partecipa alla 26^ Edizione della Settembrata Abruzzese Rassegna Regionale di Teatro dialettale “Francesco Teodori” presentando le opere: N’amore sbajate, tragedia dialettale e due farse abruzzesi Federiche lu pustene e Meserie e Salute, portate in scena dalla "Piccola Compagnia Teatrale del Corridoio di Pianella".

Nel 2005 porta in scena la versione in dialetto abruzzese “La Fiaccola Sotto il Moggio” di G. d’Annunzio, opera che sarà rappresentata a Pianella il 24 luglio dello stesso anno a cura dell’associazione “Amici di Eduardo”.

Nel 2007 scrive la prima biografia su Nino Sospiri che viene pubblicato nel decimo volume del Dizionario Biografico “Gente d’Abruzzo” Editrice Andromeda.

Nel 2007, scrive la sceneggiatura del film-documentario, dedicato all’ON. NINO SOSPIRI “UN OPERAIO IN ASPETTATIVA OVVERO L'ASPETTATIVA DI UN OPERAIO” proiettato in prima visione nella sala 2 del Multiplex Arca di Spoltore, con la Regia di Raoul Verzella riscuotendo grande successo di critica e di pubblico.

Nel 2008 in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Pescara e l'Associazione Culturale " Nuovo Circolo Aternino" porta in scena, al Teatro Michetti di Pescara con la compagnia teatrale " Amici di Eduardo", " TENGHE SETE", una versione in dialetto abruzzese della Veglia Funebre tratta  dalle  Novelle di Gabriele d'Annunzio.  

Nel 2010, insieme al Prof. emerito Vito Moretti interviene al Festival Internazionale d’annunziano di Pescara presentando la versione in dialetto abruzzese “La Fiaccola sotto il Moggio” di G. d’Annunzio con una breve pièce teatrale dell’opera a cura dell’associazione “Amici di Eduardo”

Nel 2011 porta in scena “Lu Messìe dell’Abruzze”. Racconto teatrale liberamente tratto dall’omonimo saggio-biografico di A. De Nino, rappresentato a Pianella dall' Ass. " Amici di Eduardo".

Il 31 agosto 2013, in occasione del 150° anniversario della nascita di G.  d'Annunzio, organizza a Pianella in Collaborazione con la Pro Loco la manifestazione "Una Vita Inimitabile" porta in scena con l'Ass. Culturale "Amici di Eduardo" l'adattamento testuale e teatrale della " Contessa d’Amalfi" tratta dalle Novelle della Pescara.

Il giorno 8 settembre 2018, " porta in scena con l'Ass. Culturale "Amici di Eduardo" E la Piccola Compagnia del Corridoio, la commedia teatrale, D’Amore&D’Amicizia, regia G. Cicconetti.

Il 26 luglio 2018, in occasione del 75° anniversario della nascita dell’On. Nino Sospiri recita le poesie tratte dal libro “1 VIA PER LA TRADIZIONE E 12 FRUSTATE” scritte dal personaggio politico abruzzese. 

Nel giorno di Pasqua il 12 aprile  2020  in seguito alle restrizioni governative dovute al COVID 19,  che hanno visto l’appuntamento con la manifestazione satirica della Rappresentazione Storica de lu Bboborgiorne in versi e  quello tradizionale della notte di Pasqla Compagnia Teatrale de lu Bbongiorne, ha organizzato insieme agli attori e giullari: Giuseppe Pretara, Antonello Cicconetti, Gianni Cicconetti con la collaborazione tecnica di Marco del Biondo e Lucrezia di Leonardo, la diretta streaming  quella classica della notte di Pasqua usando intenet, avvalendosi della piattaforma facebook nella pagina del gruppo Lu Bbongiorne 2020. Un evento storico per il suo genere.

Sempre nel 2020,  in seguito alle restrizioni governative dovute al COVID 19, propone attarverso la piattaforma Facebook  i  VIDEO POD CAST "ABRUZZO IN VERSI" Poesie in vernacolo pianellese  dell'autore con commenti e riflessioni. Una iniziativa culturale che riceve oltre mille visualizzazioni ogni puntata.   

INCONTRI CULTURALI

Letteratura gastronomica, “Il piacere nella tavola di G. d’Annunzio”, estratto conferenza “Piovono libri”, Pro Loco Pianella, Stampa in proprio, 5 ottobre, 2013.

Il Corredo nuziale abruzzese, Brochure, Mostra “M’arecorde… la dote”, broschure manifestazione "Veni Vidi Vicoli", Vicoli (PE), 2016.

La Ceramica parla in dialetto, “Aneddoti, racconti e proverbi sulle ceramiche da fuoco, da mensa e da dispensa abruzzesi” - Incontro culturale al M.A.C.A. di Pianella 30 aprile 2016, Stampa in proprio 2016.

Non solo chiacchiere, … ma anche cicirchiate, castagnole e altri dolci. Incontro culturale al M.A.C.A. di Pianella 25 febbraio 2017, Stampa in proprio 2017.

La settimana Santa a Pianella tra riti e tradizioni.  Lucrezia di Leonardo, "guida all'ascolto della trascrizione dello spartito originale del Miserere del musicista originario di Pianella, il M° di Cappella Crescenzo Pignatari (1710- 1790)". Chiesa di San Antonio Abate Pianella, 11 aprile 2017.

Il 10 luglio 2016 nell'ambito della manifestazione "Veni Vidi Vicoli", "M'arecorde la dote: il corredo nuziale nella tradizione abruzzese", nei locali di Palazzo Alfonsi a Vicoli Vecchia, in collaborazione con il Maca (Museo dell'artigianato ceramico abruzzese) ha curato i pannelli esplicativi che ripercorrono usi e consuetudini della dote abruzzese.

Il 25 febbraio 2017 a Pianella presso il M.A.C.A. Museo dell’Artigianato Ceramico Abruzzese in occasione della mostra “Il Carnevale in Abruzzo”; un bellissimo quadro di Tommaso Cascella del 1919 esposto alla Biennale di Venezia presenta “Non solo chiacchere…” un intervento sul cibo e dolci tipici di carnevale nella tradizione abruzzese.

Il giorno 11 aprile 2017, su iniziativa di Padre Giuseppe Grussu e della parrocchia di Pianella ha presentato nella Chiesa di Sant'Antonio Abate insieme a Lucrezia di Leonardo, “La settimana Santa a Pianella tra riti e tradizioni e guida all'ascolto della trascrizione dello spartito originale del Miserere del musicista originario di Pianella, il M° di Cappella Crescenzo Pignatari (1710- 1790)".

Il 22 aprile 2017, in occasione dell’inaugurazione del ristrutturato Palazzo Municipale e dell’orologio posto sulla torre campanaria viene invitato dalle autorità locali a leggere la poesia “Lu rellogge de la Torre”.

Il 21 giugno 2020 partecipa con la Compagnia de lu Bbongiorne  di Pianella alla diretta streaming dal Palco Gran Sasso, alla maratona teatrale " Arotron Teatrale diretto dall'attore Franco MANNELLA.

Il 16 luglio 2020, alle ore 21.00, in Largo Teatro, ex chiostro del convento di S. Domenico di partecipa all'incontro organizzato l'Università della Terza Età, sede distaccata di Pianella,  una "lezione" all'aperto dedicata alla poesia.

Il 23 agosto 2020 partecipa alla presentazione dell'Antologia dei Poeti  "OLTRE IL SILENZIO" a cura di Masimo PASQUALONE, recitando la poesia in lingua "Più non mi appartiene..."

Il 26 settembre 2021, presso l'Anfiteatro del Belvedere Pietrolungo di Pianella, partecipa al reading spettacolo Storie , miti e leggende della Città di Pianella organizzato dall'associazione Arotron dell'attore regista Franco Mannella. 

Il 23 gennaio 2022 partecipa  allo spettacolo "A teatro con Riccardo" organizzato dalla Nuova Associazione “Amici di Eduardo” di Pianella.